Ministero per i Beni e le Attivitą Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Eminila-Romagna

La rocca e il sigillo ritrovato

Ultimi restauri e scoperte a Montefiore Conca 

p_rocca_montefiore

Titolo: La rocca e il sigillo ritrovato
            Ultimi restauri e scoperte a Montefiore Conca
 
Curatori: Valter Piazza, Cetty Muscolino
 
Luogo di pubblicazione: Santarcangelo di Romagna RN
  
Casa Editrice: Maggioli Editore
 
Data di pubblicazione: 2009
 
Formato: cm 23x31 
  
Pagine: 192

La Rocca Malatestiana di Montefiore Conca dal Trecento alla metà del Cinquecento si caratterizza come imponente opera difensiva, espressione del potere dei Malatesta, nonché luogo di incontro di illustri ospiti, sovrani e pontefici.

Nonostante molteplici vicende costruttive, distruzioni e rifacimenti ne abbiano alterato e in parte modificato la struttura originaria, la rocca si è sempre imposta all'attenzione di viaggiatori, studiosi e artisti per la grande suggestione della sua mole grandiosa e cristallina che domina la vallata del Conca.

Le complesse opere di consolidamento, miglioramento sismico e restauro condotte dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini, la estituiscono oggi alla pubblica fruizione.

Nella Sala dell'Imperatore è possibile ammirare gli affreschi trecenteschi di Jacopo Avanzi, significativa e rara testimonianza di decorazione profana riconducibile al mecenatismo malatestiano.
 
Ulteriori e importanti testimonianze delle vicende storiche della rocca sono le centinaia di reperti, databili dalla metà del Trecento al Seicento, venuti alla luce durante i recenti scavi archeologici.

Elenco pubblicazioni